Manutenzione del manto erboso

La manutenzione del manto erboso prevede l’esecuzione di operazioni cicliche da effettuare periodicamente.

Lo stato di salute del prato è senza dubbio comunicato, prima di ogni cosa, dal colore che lo caratterizza, poi dall’elasticità dei fili d’erba e dalla resistenza al calpestio.

Manutenzione ordinaria del tappeto erboso durante l’anno

Ogni stagione ha le sue lavorazioni di pertinenza:

  • primavera: irrigazione – taglio – concimazione – aerazione – diserbo
  • estate: irrigazione – taglio – concimazione – aerazione – diserbo – difesa dai parassiti
  • autunno: irrigazione – taglio – concimazione – aerazione – diserbo – difesa dai parassiti
  • inverno: aerazione – diserbo

Irrigazione

Nel primo anno di vita va concentrata una attenta irrigazione del terreno. Questa operazione sicuramente molto semplice è alla portata di tutti ed è ancora più efficace se coadiuvata dall’utilizzo di impianti di irrigazione a pioggia.

Per una efficace irrigazione bisogna ricordare:

  • irrigare di sera dopo il tramonto in modo che durante la notte le radici possano assorbire l’umidità necessaria (senza il pericolo dell’evaporazione diurna)
  • la frequenza delle irrigazioni dipende molto dal clima e dalle piogge. Servono mediamente 3-4 mm d’acqua giornaliera con le varianti stagionali. In definitiva un prato ornamentale può essere irrigato ogni 3-4 giorni con una quantità di acqua che va dai 10 ai 20 litri per mq
  • di solito viene utilizzata acqua potabile che, però, risulta troppo ricca di cloro e calcio. A questo proposito, soprattutto per i prati molto grandi, è consigliabile decantare l’acqua potabile favorendo l’evaporazione del cloro e la sedimentazione del calcio

Taglio del manto

Questa è una di quelle operazioni basilari della manutenzione del prato inglese che si effettua nella maggior parte dell’anno, tranne che nella stagione invernale, con una frequenza settimanale nei periodi di maggior vegetazione e, comunque, quando il prato raggiunge una lunghezza approssimativa di 10-12 cm.

L’utilità del taglio è quella di permettere al prato di infittirsi favorendone la ripresa vegetativa e, inoltre, evitare la fioritura e la diffusione di semi di piante infestanti.

L’altezza ideale del manto erboso è di 3-4 cm per i prati ornamentali e di 2-3 cm per i campi sportivi. Soprattutto dopo i primi tagli, quando il prato è ancora giovane, è opportuno passare il rullo dopo il taglio per compattare meglio il terreno evitando danni al manto erboso.

Il taglio viene effettuato utilizzando macchinari:

  • a taglio rotativo: può essere effettuato su tutti i tipi di prato e regola bene l’altezza anche se non è il massimo della precisione.
  • a taglio elicoidale: più preciso ed efficiente viene di solito utilizzato per i prati professionali

Dopo lo sfalcio (taglio) l’erba in eccesso deve essere asportata per favorire l’aerazione del manto erboso.

Concimazione

Concimazione è sinonimo di nutrimento per il prato. Con questa operazione, infatti, si provvede il nutrimento necessario al manto erboso. Non esistono concimi universali adatti a tutti i tipi di prato ma è fondamentale utilizzare concimi adatti ad ogni esigenza. In generale il concime deve essere:

  • di origine chimica o naturale non fa molta differenza
  • ricco di azoto ( a meno che non si stia cercando di debellare una qualche malattia del prato)
  • contenente fosforo e potassio
  • contenente quantità minori di microelementi come: ferro, magnesio, manganese, zinco e rame

Esiste poi un’altra distinzione tra i concimi per cui vengono utilizzati in periodi dell’anno diversi:

  • concimi ricchi di azoto: da utilizzare a marzo, aprile e maggio
  • concime per radici: da utilizzare a luglio e agosto
  • concimi a lenta cessione: in tardo autunno per garantire il nutrimento in inverno

Manutenzione straordinaria del prato

Per una corretta manutenzione è necessario dare la giusta importanza a quelle operazioni che vanno collocate tra i lavori di manutenzione straordinaria, ecco quali sono:

  • difesa dalle infestanti e dai parassiti
  • sabbiatura
  • aerazione
  • scarificazione
  • rigenerazione e sostituzione delle parti rovinate

Diserbo dalle infestanti

Il diserbo dalle fastidiose infestanti va fatto in primavera, all’inizio della germinazione, e in estate, durante il picco dello stato vegetativo. I prodotti più efficaci sono sicuramente quelli chimici che, di solito, sono prodotti estremamente selezionati.

Aerazione e sabbiatura

L’aerazione è una delle operazioni più importanti per la salvaguardia del benessere del prato perché evita la formazione di muffe.

Per i piccoli prati basterà praticare dei fori utilizzando la forca su tutta la superficie.

Per realizzare dei prato inglese più grandi occorrono, invece, dei macchinari veri e propri che andranno ad effettuare la carotatura, rimozione di piccole parti del terreno poi riempite con della sabbia e torba (sabbiatura). Questa operazione va effettuata in primavera e in autunno.

Rinnovo

Ogni due o tre anni le piantine perenni che compongono il prato vanno sostituite effettuando una nuova semina, meglio se i semi vengono mischiati con della sabbia per agevolarne la germinazione. Le zone da rinnovare sono quelle in cui l’erba è in modo evidente più diradata e rovinata.

Scarificazione

La scarificazione è letteralmente lo smaltimento dei rifiuti organici, soprattutto resti di filato dopo il taglio. La scarificazione va effettuata in primavera e in autunno per prevenire le muffe e favorire l’aerazione del terreno.

Per una corretta manutenzione, quindi, è necessario seguire delle routine e non far altro che ascoltare ciò che il nostro prato vuole comunicarci col suo colore e la messa in evidenza di eventuali fragilità.

Come ti organizzi con la manutenzione del prato? Ogni quanto tempo effettui i tagli?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda Anche

lavori in giardino e orto settembre

Lavori giardino e Orto Settembre: Semina, Trapianto e Raccolta

Dopo aver visto i lavori in giardino ad Agosto, siamo arrivati a Settembre. Settembre è ...