Olivo Leccino: Coltivazione Potatura e Malattie

L’olivo leccino è una delle varietà di olivo più coltivate, e non solo in Italia, per la sua longevità, per la capacità di adattarsi a terreni diversi, per le sue alte rese e perché resistente al freddo e alla siccità.

A differenza di altre varietà, sopravvive anche a temperature ben al di sotto dello zero e può restare senz’acqua a lungo, senza subire grossi danni.

Si ritiene che l’olivo leccino sia nato in Toscana, anche se, come detto, è una delle varietà di olivo più apprezzate dai coltivatori.

I suoi frutti grandi e numerosi lo rendono fra l’altro un ottimo impollinatore per le altre varietà di olivo.

L’olivo leccino ha dimensioni medio-grandi, con una fitta ramificazione e abbondante fogliame.

Questa sua caratteristica lo rende gradevole esteticamente, tanto che viene anche coltivato in vaso a scopo ornamentale.

Bestseller No. 1
Vivai Gardenhome - Olivo Leccino
  • Olivo da Produzione varietà Leccino. Richiedete...
Bestseller No. 2
Bestseller No. 3

La coltivazione dell’olivo leccino

Per la coltivazione dell’olivo leccino non necessita un particolare tipo di terreno; è consigliabile comunque un terreno argilloso-calcareo, ben drenato e in posizione soleggiata

Prima della piantumazione, il terreno va concimato con letame e fertilizzanti minerali, concimazione che è meglio ripetere ogni primavera.

Una volta messa a dimora, la pianta richiede un’innaffiatura regolare ma non abbondante. Soprattutto il terreno fra un’innaffiatura e l’altra va lasciato perfettamente asciugare. In ogni caso, l‘olivo leccino sopporta bene anche lunghi periodi di siccità.

Il leccino fiorisce in primavera, con fiori grandi e corti, che si trasformano in olive corpose, di solito in gruppi di 3-5, che giungono a maturazione in novembre.

Le olive raccolte precocemente producono un olio dorato dal sapore più aromatico di quelle raccolte a completa maturazione, che danno un olio dal sapore più leggero e neutro.

Per questo l’olio dell’olivo leccino viene spesso abbinato ad altri olii. Oltre alla buona resa di olio, le sue olive nere sono dolci e ottime da portare in tavola.

Quanto deve essere frequente la potatura?

La potatura è un intervento che influisce molto sulla produttività della pianta. La tendenza è quella di potare raramente il leccino, anche ogni quattro anni, e di intervenire poi in modo energico. In questo modo, però, si rischia di abbassarne la produzione media.

Lettura consigliata: Tecniche di Potatura

La potatura energica infatti elimina troppi alberi fruttiferi e altera l’equilibrio produttivo della pianta.

Gli esperti consigliano invece delle potature più frequenti, ogni due-tre anni, e di intensità media, in modo che l’olivo possa continuare a produrre in quantità abbondanti e costanti.

La coltivazione in vaso

L’olivo leccino, oltre a essere forte e produttivo, è esteticamente bello, per cui è utilizzato anche come pianta ornamentale.

Il leccino, infatti, può crescere tranquillamente in vaso. I giardinieri consigliano di innestare la piantina giovane su uno stelo di 40/50 centimetri in un vaso dalla capienza di 2,5 litri.

Se la pianta da invasare è già sviluppata, il vaso dovrà essere ampio almeno la metà del diametro della chioma.

Come per la pianta nel terreno, anche nel vaso il drenaggio dovrà essere curato. L’ideale è usare per metà terriccio da giardino e per metà sabbia di fiume.

Il leccino in vaso va innaffiato raramente e in modo abbondante, ma solo quando il terreno risulta asciutto per almeno 5 cm di profondità.

Le malattie

L’olivo leccino è una pianta robusta e longeva: alcuni esemplari hanno raggiunto i 2.000 anni di età.L’unica malattia a cui il leccino può essere esposto è la fumaggine.

La fumaggine è una malattia fungina che non attacca solo gli olivi, ma anche altre piante produttive e ornamentali. La fumaggine ha un decorso lungo, che sul breve periodo non provoca danni ma che, con il passare del tempo, può guastare la produttività e l’estetica della pianta.

I funghi della fumaggine sono trasmessi al leccino da alcuni tipi di insetti, ma anche da attrezzi poco puliti e dalle stesse mani dell’uomo. Umidità e caldo favoriscono lo sviluppo della patologia.

La fumaggine è contagiosa, cioè si passa da una pianta all’altra. Quindi va combattuta al comparire dei primi segnali, che consistono in macchie nerastre su foglie, frutti e germogli.

Il primo intervento è rimuovere le macchie con acqua e detergente, utilizzando, se necessario, anche delle spazzole. In casi più gravi, occorrerà ricorrere a fitofarmaci, ma facendosi consigliare da un florovivaista per non rischiare di intossicare la pianta.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, inclusi eventuali cookie di profilazione di terze parti per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi